klein

Hat + 5 roses (Vogue), Paris, 1956

Stampa ai sali d’argento. Firmato, titolato e datato in matita sul retro,  45.2 x 33 cm

William Klein è nato a New York nel 1928.
Una giuria internazionale di Photokina nel 1963 ha votato Klein uno dei 30 fotografi più importanti nella storia di questo medium. E’ diventato famoso in Europa immediatamente dopo la pubblicazione del suo sorprendente ed intenso libro di fotografie, The Life is Good for You in New York – William Klein Trance Witness Revels, per il quale ha ha vinto il Premio Nadar nel 1956. Il linguaggio visivo di Klein è basato sulla granulosità, sfocatura, e la distorsione. Ha descritto il suo lavoro come “un corso accelerato di quello che non doveva essere fatto in fotografia.” Klein impiega l’ obiettivo grandangolare, pellicola, e nuove procedure di immagine e di stampa per rendere le immagini frammentate, una modalità quasi anarchica che ha messo in luce la cruda immediatezza e messo in evidenza la presenza del fotografo sulla scena.

Nato e cresciuto a New York, Klein si diploma alla scuola superiore a 14 anni e successivamente studia sociologia presso il City College di New York. Dopo due anni nell’esercito, dove ha lavorato come fumettista del giornale, frequenta la Sorbona, a Parigi. Ha studiato pittura per un breve periodo con Fernand Léger e ha vissuto a Parigi dal 1948, lavorando come pittore, grafico designer, fotografo e regista.

Klein ha esposto in tutta Europa come un pittore, producendo murales astratti per architetti italiani e francesi. Ha iniziato fotografando i suoi murales in movimento avendo modo così, a partire dal 1952 di sperimentare il mezzo. In questo periodo viene fortemente influenzato dalle opere di Man Ray, Alexander Rodchenko, i Dadaisti, e il Bauhaus.Klein ritorna a New York nel 1954 ed inizia la sua documentazione della città, scagliandosi nel caos urbano. Lavora in diretta opposizione al modello di eleganza e discrezione delle immagini di Henri Cartier-Bresson. Dal 1955 al 1965, Klein produce originalissime fotografie di moda per Vogue e altre pubblicazioni. Il suo datore di lavoro a Vogue, Alexander Liberman, scrive: “Nelle immagini di moda degli anni Cinquanta, niente di simile al lavoro di Klein era successo prima. È andato agli estremi, mischiando un grande ego e coraggio. Ha aperto la strada al teleobiettivo e agli obiettivi grandangolari, regalandoci una nuova prospettiva. Scattando foto fuori dallo studio e per le strade…”

Klein ha iniziato ad occuparsi di cinema nel 1958. Nel 1965, abbandona la fotografia per concentrarsi su film per il cinema e la televisione. Le sue opere più note sono Cassius il Grande (un film su Muhammad Ali) e Loin du Vietnam, in cui ha collaborato con i registi Alain Resnais, Jean-Luc Godard, e altri. Ha realizzato più di 20 film, ha diretto numerosi documentari ed ha prodotto oltre 250 spot televisivi.Klein ha esposto in tutto il mondo come alla Fuji Gallery di Tokyo; Stedelijk Museum, Amsterdam; Photokina, Colonia; e The International Center of Photography e la Galleria Witkin di New York. E ‘stato premiato nel 1978 al Festival International di Arles. Una mostra dei suoi primi lavori si è tenuta presso il Museum of Modern Art di New York, nel 1980-1981. Nel 1999 è stato insignito della Medaglia del Centenario della Royal Photographic Society, di cui divenne anche socio onorario.

Fonte: The Encyclopedia of Photography (1984)